Roma, islamici vogliono le moschee: “Pregheremo al Colosseo”

 

preghiera-moschea

Sarà il Colosseo a fare da sfondo alla prossima Salat al’Juma. La comunità islamica di Roma est continua la protesta contro la chiusura dei centri di culto, cinque nelle ultime settimane tra Centocelle e Ponte di Nona, e lo fa annunciando una nuova preghiera del venerdì da celebrare all’aperto, stavolta nel centro monumentale della città: il 21 ottobre si prega fuori dall’Anfiteatro Flavio.

Come scrive today.it , a dare la notizia gli organizzatori dell’associazione Duuhmcatu che raccoglie il gruppo di musulmani provenienti dal Bangladesh, particolarmente radicati nell’area di Torpignattara. Come confermato dagli uffici a Romatoday, l’evento è stato già autorizzato dalla Questura, dalle 14 alle 17 nello slargo di via di San Gregorio, poco distante dall’arco di Costantino. E’ il quarto del genere a Roma da metà settembre. Il primo si è evolto a piazza dei Mirti, la più frequentata del quartiere Centocelle, poi a largo Preneste a ridosso del Pigneto, poi ancora in piazza Vittorio, all’Esquilino. Ora al Colosseo. Il messaggio si ripete: “Chiudete gli unici luoghi dove possiamo pregare? Lo facciamo in strada”.

“E’ un problema per oltre 100 musulmani residenti a Roma, ma anche dei quasi 2 milioni di musulmani in Italia” ha dichiarato il coordinatore del Cail (Coordinamento Associazioni Islamiche del Lazio), Francesco Tieri. “Siamo stufi della criminalizzazione dei nostri luoghi di culto, bollati come abusivi. Non esiste una procedura da seguire, non in autonomia”. Ai centri di culto sequestrati dalla polizia municipale sono stati contestati, in tutti i casi, abusi edilizi e cambi di destinazione d’uso non consentiti. Garage e scantinati utilizzati ufficialmente come associazioni culturali ma anche come veri e propri luoghi di culto. Abusive quindi sì, ma senza che ci sia un’alternativa. Senza che la politica si faccia carico di garantire alla comunità un diritto, quello costituzionale alla libertà di culto.

“Necessitiamo della volontà delle amministrazioni di adempire a un loro dovere costituzionale, e cioè quello di prodigarsi per trovare soluzioni che ci consentano di esercitare un sacrosanto diritto costituzionale, diritto di tutti e quindi anche nostro, il diritto al Culto – conclude Tieri – diritto che è individuale ma anche collettivo, e che deve poter essere esercitato in forma privata ma anche pubblica. La Carta Costituzionale non può essere a volte un feticcio e a volte carta per soffiarsi il naso”.



   

 

 

1 Commento per “Roma, islamici vogliono le moschee: “Pregheremo al Colosseo””

  1. I musulmani sono una società TEOCRATICA, che significa che l’organizzazione sociale, è in funzione della religione, e non vi è dunque separazione.

    Ergo, i luoghi di culto musulmani sono anche luoghi della politica, della giustizia e della loro cultura, particolarmente relativa alle donne.

    Consentire loro i luoghi di culto, significa permettere l’insorgenza nella nostra società di comunità politico-religiose musulmane, e non certamente laiche.

    Questo significa preparare i conflitti anche cruenti, tra comunità politico-religiose musulmane e società laica Italiana!!

    Ma certo che tutto questo ci è stato preparato dalla casta massonico-finanziaria, e le Immigrazioni invasive non sono una iattura del destino, ma un preciso secolare disegno politico!!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -