Clandestini in rivolta: vogliono l’allontanamento di 2 operatori “non graditi”

Bagnoli (Padova)- Cento presunti profughi in rivolta nella ex caserma San Siro. Ieri i richiedenti asilo (ormai quasi a quota mille) si sono ribellati, una vera e propria sommossa durata 15 ore, vogliono un medico fisso nella struttura e l’allontanamento di due operatori a loro non graditi.

Poco dopo le 6 alcuni erano anche usciti in strada poi sono stati convinti a rientrare. Tutta la zona è stata presidiata dalle forze dell’ordine e la strada di accesso alla base è stata chiusa.

Lapidario il commento di Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord: «I migranti hanno esposto cartelli in francese e in inglese per chiedere di essere trattati meglio e tempi più rapidi per le pratiche di accoglienza – dice Salvini -  Io li accontenterei: prenderli di peso, caricarli su due autobus e imbarcarli sul primo aereo per rispedirli a casa loro»



   

 

 

1 Commento per “Clandestini in rivolta: vogliono l’allontanamento di 2 operatori “non graditi””

  1. Bravissimo Salvini!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -