“Quesito truffa”, il ricorso aiuta Renzi: possibile rinvio del referendum

 

Vito Crimi M5S

Vito Crimi M5S

Va avanti il ricorso contro il quesito referendario “truffa”. Promosso da un gruppo di senatori e avvocati, di fronte al Tar si è tenuta ieri la prima udienza che testimonia la “fondatezza del ricorso”. Sono stati infatti convocati Loredana De Petris di Sinistra italiana, Vito Crimi del M5S e l’avvocato Giuseppe Bozzi, tutti estensori dell’atto presentato di fronte al Tar. Per la controparte era presente l’Avvocatura dello Stato, costituitasi parte civile per Palazzo Chigi. Lo scenario che si delinea è ancora abbastanza incerto. La decisione del Tar sul quesito definito “suggestivo”, “ingannevole”, “fuoriviante” e “non omogeneo” dai ricorrenti potrebbe arrivare (data ancora da stabilire) il 17 ottobre. Lo scenario successivo è ancora da delineare.

Possibile slittamento della data

La prima ipotesi è che il Tribunale amministrativo del Lazio decida di accogliere in toto il ricorso. In questo caso si potrebbe disporre che il quesito venga riscritto e si riavvierebbe tutta la procedura, cosa che farebbe slittare il referendum a nuova data. Annullato il decreto infatti non ci sarebbero più i 50 giorni minimi per farne un altro. Seconda ipotesi, più accreditata, dice l’avvocato Bozzi, è che il quesito venga bocciato ma fatta salva la data. In questo caso si voterebbe comunque il 4 dicembre. Se i rappresentanti del comitato per il No sono soddisfatti perché l’accoglimento del ricorso e la fissazione dell’udienza straordinaria è già una vittoria, a Palazzo Chigi ostentano tranquillità: ipotesi riscrittura del quesito non contemplata.

Ricorso contro la legge sul referendum

Ma non è tutto. Perché accanto all’azione intentata al Tar Lazio sul quesito referendario, ne pende un’altra – avviata fin da giugno – di fronte al tribunale civile di Milano: l’oggetto è la legge del 1970 che disciplina il referendum, ma per questa via si punta comunque al quesito referendario. E se contenuto e iter dei due procedimenti sono diversi, la sostanza è analoga. Ad intentarla un gruppo di avvocati come cittadini-elettori: Claudio Tani, Aldo Bozzi, già protagonisti del ricorso contro il Porcellum, Ilaria Tani ed Emilio Zecca.

Due sentenze, un referendum

Il ricorso punta a verificare il corretto utilizzo dello strumento referendario e chiede di rinviare alla Corte Costituzionale la legge 352/1970 nella parte in cui non prevede che l’Ufficio centrale presso la Cassazione, che verifica legittimità e conformità dei referendum all’art. 138 del Costituzione, abbia il potere “di invitare, con ordinanza, i promotori a formulare quesiti in modo separato e raggruppandoli per materie omogenee”. La questione avrebbe dovuto essere esaminata ieri, ma c’è stato un rinvio per problemi procedurali: l’udienza è aggiornata al 20 ottobre. Tre giorni dopo la camera di consiglio del Tar da cui è attesa subito una sentenza.

REDAZIONE TISCALI



   

 

 

1 Commento per ““Quesito truffa”, il ricorso aiuta Renzi: possibile rinvio del referendum”

  1. MA NO! Chi se lo sarebbe aspettato?
    Che manfrina.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -