Il medico di Fuocoammare non è mai stato pagato

 

Fuocoammare-medico

LAMPEDUSA – La definisce una battaglia etica e non economica, anche perché ha già annunciato che intende devolvere tutte le somme che incasserà in favore di profughi e rifugiati che in questi anni ha assistito e curato.

Pietro Bartolo, medico del Poliambulatorio di Lampedusa, tra i protagonisti del film di Gianfranco Rosi Fuocoammare, Orso d’oro a Berlino e candidato per l’Italia agli Oscar, torna nuovamente a fare accendere i riflettori sul dramma dei migranti. “In questi anni – spiega – mi sono state richieste centinaia di ispezioni cadaveriche sui corpi martoriati di chi era morto in mare, ma la mia attività professionale non è mai stata pagata”.

Il medico, che dopo il successo di Fuocoammare è diventato un personaggio pubblico invitato anche in numerose trasmissioni televisive, sottolinea che la sua richiesta ha una valenza sociale. “Tutto quello che riuscirò ad ottenere – dice – verrà devoluto ai migranti. Del resto i corpi erano i loro. Questi soldi spettano a loro. Io non terrò per me nemmeno un euro”.

Bartolo non ha idea della cifra che dovrebbe incassare: “Non mi sono mai informato – spiega – anche se ho fatto richiesta all’Asp per le prime 375 ispezioni cadaveriche”. Il medico, divenuto ormai un simbolo della solidarietà e dell’accoglienza verso i migranti, non riesce dunque ad avere riconosciuto il suo lavoro dal punto di vista economico nonostante l’impegno e l’abnegazione dimostrati in tutti questi anni. ansamed



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -