La sinistra che sputa su chi da’ lavoro (se non è coop)

Milano- La ridicola arringa della Pirovano contro Caprotti, imprenditore, autore del volune “Falce e Carrello” in cui racconta le sue esperienze personali in merito alle difficoltà e agli ostracismi incontrati dal suo gruppo nel penetrare (senza riuscirvi davvero) i mercati delle aree regionali storicamente vicine al partito comunista italiano, i cui mercati sono strenuamente occupate in regime di quasi monopolio dalle cooperative rosse.

La sinistra milanese si oppone all’intitolazione di una via a Bernardo Caprotti, il patron di Esselunga scomparso venerdì sera a 90 anni. A esporre le ragioni del no, in maniera a tratti tragicomica, la consigliera Anita Pirovano. Ecco il suoi 5 minuti di intervento a Palazzo Marino.

La lettera di Caprotti al Cprriere della Sera >>>>



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -