Francia: spari contro un futuro centro di accoglienza

 

PARIGI, 6 OTT – Il ministro francese della Casa, Emmanuelle Cosse, ha lanciato un appello ai francesi affinché denuncino le “azioni estremiste razziste” contro i migranti dopo i recenti spari contro un futuro centro di accoglienza a Saint-Brevin, nel dipartimento di Loire-Atlantique.

Intervistata da radio Europe 1, l’esponente governativa ha dichiarato di aver “bisogno che tutti gli umanisti di questo Paese, tutti i progressisti, si oppongano, si esprimano per denunciare queste azioni estremamente razziste“. “Apriremo dei centri per raggiungere i 9.000 posti – ha continuato, citando l’obiettivo fissato dal governo – perché non possiamo accettare di lasciare della gente per strada, nel fango, quando hanno diritto d’asilo”.

Colpi d’arma da fuoco sono stati esplosi martedì sera a Saint-Brévin contro un villaggio vacanze scelto dallo Stato per accogliere 70 migranti provenienti dalla ‘Giungla’ di Calais. .

Campo da cui oltre 10 mila migranti sognano di raggiungere la Gran Bretagna e che Parigi ha promesso di sgomberare entro fine anno.

Secondo Cosse, dei “militanti, in particolare di estrema destra, usano questo tema per fare una politica nauseabonda”.

“Oggi lancio un appello a tutti i francesi affinché dicano semplicemente che accogliere sull’insieme del territorio piccoli gruppi di persone non è difficile, lo possiamo fare”, ha concluso. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -