Le magliette di CasaPound “Alcuni italiani non si arrendono”

Casapound: i suoi militanti si definiscono “fascisti del terzo millennio”; irriverenti, ironici, futuristi, si raccontano soprattutto con le loro magliette. Un modo di riconoscersi proprio attraverso il look che mai come in Casapound è un modo di codificare l’appartenenza a una idea, anzi, a un modo di vivere. Eskimo, barba assiro babilonese, abbigliamento casual,da biker . Ora che i soldati blu della Raggi li hanno bastonati e arrestati, colpevoli di aver occupato uno stabile a Roma per ospitarvi dei senza casa italiani (se gli occupanti fossero stati clandestini la Polizia certamente non sarebbe intervenuta) i casapoundisti sono balzati alla ribalta.

Ma chi sono? Un viaggio in questo gruppo quasi del tutto sconosciuto, misterioso, che conta parecchio tra i giovani: a Milano, il candidato sindaco Parisi ha perso le elezioni proprio per averli snobbati .

Casapound ha i propri simboli e le proprie mitologie. Le magliette, innanzitutto: T shirt che raccontano i miti del movimento, gli scontri, le barricate. Alcuni italiani non si arrendono: è il loro slogan più noto. Lo slogan del terzo millennio, dopo quel “vogliamo tutto” che contraddistinse i loro fratelli maggiori, i sessantottini. E talvolta basta uno slogan fortunato per partire alla ricerca di uno spazio politico nelle praterie della destra che ancora non vede un leader.

video di Claudio Bernieri



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -