Boldrini: “nel Mediterraneo si muore più di prima”

 

boldrini-ueROMA, 3 OTT – “Il ricordo serve ma non basta, quando i numeri continuano ad essere quelli di una strage. Celebriamo oggi per la prima volta la Giornata della memoria e dell’accoglienza, voluta dal Parlamento con una legge in onore delle 366 persone che persero la vita 3 anni fa nelle acque di Lampedusa. Ma è un momento di riflessione scomodo, perché ci costringe a misurarci una volta di più con guerre e conflitti per i quali non si intravvedono soluzioni – dalla Siria alla Somalia, dal Sudan all’Iraq – e con gli impegni sulla ricollocazione dei migranti fin qui disattesi dalla gran parte degli Stati europei”.

Lo afferma in una nota la presidente della Camera, Laura Boldrini che denuncia come “nel Mediterraneo si muore più di prima: quest’anno già 3500 vittime, in aumento rispetto allo stesso periodo del 2015. E a differenza dell’anno scorso, quando era l’Egeo a contare il maggior numero di morti, l’accordo tra Turchia e Ue ha modificato i flussi e ha fatto nuovamente aumentare il numero di vittime sulla rotta dalla Libia”. (ANSA)

Speriamo che la Boldrini, da donna consapevole e cosciente, ce l’abbia con quelle organizzazioni ONU-dipendenti che promuovono l’immigrazione

Le migrazioni di massa e l’ente miliardario che le “promuove” (Oim)

oim



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -