Uccise 78enne in casa, marocchino condannato a 25 anni

 

omicidio-berveglieri

ROVIGO, 30 SET – Venticinque anni di carcere. Questa la pena che dovrà scontare Abdelilah Soussou, il marocchino 30enne imputato di omicidio volontario nei confronti di Sereno Berveglieri, il 78enne trovato morto sul pavimento della sua abitazione di San Pietro Polesine il 25 gennaio del 2015. La sentenza di condanna è arrivata oggi dal Tribunale di Rovigo riunito in corte d’assise.

Soussou è stato giudicato colpevole di avere volontariamente ucciso l’anziano, escludendo l’aggravante del delitto commesso al fine di derubare l’uomo, come sostenuto dall’accusa affidata al pubblico ministero Fabrizio Suriano che aveva chiesto per il marocchino la pena dell’ergastolo.

Riconosciuti, inoltre 220 mila euro di risarcimento al figlio e alla moglie della vittima costituiti parti offese con l’avvocato Alberto Duffini. Soussou avrebbe quindi ucciso il pensionato con cui aveva stretto un rapporto di amicizia, soffocandolo con un sacchetto di plastica, perché si sarebbe rifiutato di assecondare le richieste di denaro del 30enne. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -