Nigeria porta in tribunale Chevron, Total e altri colossi del petrolio

 

Il governo nigeriano può procedere contro i colossi petroliferi Chevron e Total per esportazione illegale di greggio, dopo che la corte ha respinto oggi i loro ricorsi. Le aziende americane e francese figurano tra i 15 colossi – tra cui la Eni – presi di mira dalle autorità dopo aver denunciato perdite per 17 miliardi di dollari nel periodo compreso tra il 2011 e il 2014.

Il primo processo, intentato contro Chevron, Total ed Eni, riguarda la mancata dichiarazione di circa 57 milioni di barili di greggio esportati negli Stati Uniti dalle loro affiliate nigeriane, per complessivi 12,7 miliardi di dollari. Il processo inizierà il prossimo 25 ottobre.

Lo scorso luglio, il presidente Muhammadu Buhari aveva bloccato 113 petroliere in acque nigeriane, accusandole di esportare petrolio non dichiarato. Le autorità hanno quindi dato mandato a società di revisione americane di confrontare il numero di barili dichiarati alle autorità nigeriane per l’export con quello dichiarato nei porti americani, cinesi e norvegesi per l’import. L’indagine è arrivata alla conclusione che una delle “principali ragioni del calo delle entrate petrolifere è stato dovuto alla non-dichiarazione o alla sotto-dichiarazione dei carichi di petrolio fatti da alcune delle principali aziende”, stando ai documenti dell’accusa.

Anche il colosso anglo-olandese Shell è finito sotto accusa, mentre non si conosce ancora l’identità delle altre 11 aziende. (fonte Afp)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -