Siria, Mosca: “Tregua di 48 ore, non di più”

 

La Russia sostiene una tregua in Siria di due giorni, non di più. “Abbiamo ripetutamente proposto una pausa nei combattimenti di 48 ore, ma gli Stati Uniti rimangono fermi alla loro richiesta di sette, che è un periodo sufficiente ai gruppi terroristici per rifornirsi e raggruppare le forze. Un cessate il fuoco di sette giorni per noi è inaccettabile“, ha dichiarato il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov.

“Gli Stati Uniti si sono dimostrati finora incapaci di influenzare la situazione ad Aleppo. In queste condizioni, le forze siriane continuano a combattere contro i terroristi”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov il giorno dopo l’ultimatum del segretario di Stato John Kerry che aveva anticipato la sospensione dei contatti fra Stati Uniti e Russia se le forze russe e siriane non avessero posto fine ai raid su Aleppo.

La Russia esprime quindi rincrescimento per la “retorica non costruttiva” di Washington negli ultimi giorni, ma rimane interessata a interagire con gli Stati Uniti sulla Siria, ha continuato il portavoce, sollecitando Washington ad attuare quanto si era impegnata a fare, ovvero a garantire la divisione chiara fra opposizione e terroristi.

Le forze aeree russe proseguono le loro operazioni di sostegno alle attività antiterrorismo siriane, ha aggiunto Peskov, citato dall’agenzia Interfax, sottolineando che gli accordi fra i presidenti di Russia e Stati Uniti non prevedono la rinuncia ai principi dell’antiterrorismo. adsnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -