Il numero uno di Deutsche Bank fa il gradasso: Non abbiamo bisogno aiuti pubblici

 

Il numero uno di Deutsche Bank cerca di rassicurare i risparmiatori sostenendo che la prima banca tedesca, martoriata dal mercato azionario, non ha bisogno di aiuti di Stato. “Questo non è un problema per noi,” ha detto il co-amministratore delegato John Cryan, in un’intervista alla Bild, il quotidiano più letto in Germania.

Deutsche Bank, derivati pari a 20 volte il PIL tedesco

“Non ho in alcun momento chiesto aiuto dalla cancelliera” Angela Merkel ha detto Mr Cryan, al comando del gigante bancario tedesco dall’estate 2015.Lunedi ‘, il prezzo delle azioni di Deutsche Bank è sceso a livelli mai raggiunto nella sua storia alla Borsa di Francoforte sulla base di voci che il governo di Berlino aveva rifiutato qualsiasi aiuto al gigante tedesco, minacciato da una multa record negli Stati Uniti. Il titolo aveva così perso il 7,54% a 10,55 euro, un livello al quale è restato si martedì.

La giustizia americana chiede a Deutsche Bank 14 miliardi di dollari per risolvere un vecchio contenzioso negli Stati Uniti legato alla crisi dei “subprime”. E ‘ “chiaro fin dall’inizio che noi non pagheremo questa somma”, ha detto alla Bild il capo della Deutsche Bank. Gli analisti ritengono, infatti, che la banca otterrà una riduzione del disegno di legge negli Stati Uniti, ma nulla garantisce che i 5,5 miliardi accantonati dall’istituto di credito saranno sufficienti a risolvere l’insieme di tutte le 8.000 controversie legali nel mondo. Di qui i timori del mercato di un aumento di capitale di Deutsche Bank, che possa diluire il valore delle azioni.

“La questione di un aumento di capitale non si pone al momento,” ha ripetuto il Cryan a Bild. “Abbiamo rischio significativamente più basso rispetto al passato nei nostri conti e disponiamo di risorse di liquidità in modo confortevole”, ha detto lui.Dopo una perdita di circa 7 miliardi di euro nel 2015, il gruppo ha lanciato una profonda ristrutturazione che prevede la chiusura di circa 200 filiali in Germania entro il 2020 e la cancellazione di quasi 9.000 posizioni a livello globale. Le azioni Deutsche Bank hanno perso più di metà del loro valore dall’inizio di quest’anno. (con fonte Afp)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -