Pinerolo: due ex suore sposate da un ex prete sospeso nel 2003

 

Domani Pinerolo sarà protagonista del matrimonio tra due ex suore: Isabel e Federica. La cittadina in provincia di Torino, si legge sul quotidiano ‘La Stampa’, sarà il teatro dell’unione di due ex suore francescane che si sono conosciute durante un viaggio pastorale e che hanno capito di amarsi. Una delle ex religiose ha trascorso la vita nelle missioni del mondo, l’altra si è sempre dedicata ai poveri e ai tossicodipendenti.

“Dio vuole le persone felici, che vivano l’amore alla luce del sole”, dice Isabel. “Chiediamo alla nostra chiesa di accogliere tutte le persone che si amano”, dice Federica.

L’unione civile verrà celebrata dal sindaco del Movimento 5 Stelle Luca Salvai in municipio, la seconda da quando è entrata in vigore la legge. Ma ci sarà anche una funzione religiosa, e forse davvero non poteva essere diversamente. Verrà officiata dalla persona che meglio di tutte conosce la storia di Isabel e Federica: Franco Barbero che nel 2003 ha ricevuto da Papa Paolo Giovanni II la sospensione a divinis, che di fatto lo ha messo fuori dalla Chiesa cattolica. All’origine della scomunica papale ci sono proprio le sue posizioni sui matrimoni omosessuali.

Le due ex religiose sono coetanee, 44 anni, una è italiana, l’altra è sudamericana. Entrambe hanno chiesto l’anonimato, sottolinea ancora ‘La Stampa’, e vorrebbero che questo loro sogno coraggioso rimanesse riservato: “Non è pudore, ma paura dei pregiudizi. Non vogliamo diventare delle celebrità, ma vivere serenamente insieme e trovare presto un nuovo lavoro”.

Per arrivare a questa giornata di festa, Federica e Isabel hanno dovuto fare tutti i passaggi formali in Vaticano per farsi togliere i voti e lasciare il velo. E all’ex suora originaria di un paesino del sud d’Italia rimane un passo ancora da compiere: dire al padre che non è più suora e che sposa una donna. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -