Giappone, Abe: Costituzione meno pacifista di quella imposta dagli Usa

 

giappone-abeIl primo ministro giapponese Shinzo Abe ha spinto oggi sulla riforma costituzionale che dovrebbe attenuare il carattere pacifista della Carta nipponica, voluta dalle forze d’occupazione statunitensi dopo la fine della seconda guerra mondiale, chiedendo alla Dieta – il parlamento – di lavorare sulla riforma costituzionale da sottoporre in seguito a un referendum. Abe ha espresso questa richiesta, formulando la sua rituale Dichiarazione d’intenti di fronte alla Dieta, che ha aperto oggi la sessione straordinaria di lavori.

Oltre alla riforma costituzionale, il capo del governo ha anche domandato di ratificare il Partenariato Trans-Pacifico (Tpp), l’accordo di libero scambio tra le due sponde dell’oceano che dovrebbe creare un mercato pari al 40 per cento degli scambi mondiali, e ha chiesto di dibattere una nuova manovra di stimolo, annunciata già il mese scorso, da 28mila miliardi di yen (247 miliardi di euro).

Il piatto forte, comunque, è la controversa riforma costituzionale e Abe, oggi, ha posto una certa enfasi su questo tema. “Come dovrebbe essere la Costituzione? Il Giappone, d’ora in poi, che tipo di paese sarà? A deciderlo non è il governo. E’ il popolo”, ha affermato il capo dell’esecutivo di Tokyo. “Ma – ha continuato – coloro che hanno la responsabilità di fare proposte al popolo siamo noi parlamentari. Quindi, superando il punto di vista della maggioranza, chiedo di approfondire, nell’ambito della Commissione affari costituzionali, la discussione”.

La riforma costituzionale è un tema bollente per la politica giapponese, in particolare per quanto riguarda il famoso Articolo 9 che sancisce la rinuncia totale alla guerra da parte del Giappone e, alla lettera, anche alla possibilità di detenere forze armate. Quest’ultimo divieto è stato già aggirato ai tempi della Guerra di Corea (1950-53) con la creazione di Forze di autodifesa (Jieitai). Abe lo scorso anno ha modificato l’interpretazione della Costituzione, facendo approvare norme che permettono alle Jieitai di esercitare anche il diritto di difesa collettiva allorché un alleato sia sotto attacco. Il Partito liberaldemocratico (Jiminto), oggi guidato da Abe, tuttavia, ha come suo obiettivo la modifica della Costituzione di fatto dalla sua nascita, nel 1955. E ora potrebbe possedere i numeri per andare avanti in quest’opera. Sia nella Camera alta che in quella bassa ha – da solo o in coordinamento con altre formazioni filo-riforma – i due terzi dei voti necessari.  (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -