Assad: Paesi stranieri appoggiano i ribelli, la guerra continuerà

 

assad

22 SET – In un’intervista all’agenzia Ap, il presidente siriano Bashar al Assad ha accusato oggi gli Usa di essere responsabili per il fallimento del cessate il fuoco e ha affermato che l’attacco ad una base siriana compiuto sabato a Deyr az Zor da aerei della Coalizione internazionale a guida americana è stato “sicuramente intenzionale”.

Assad è tornato a negare che aerei siriani e russi abbiano bombardato un convoglio umanitario vicino ad Aleppo in cui 21 persone sono rimaste uccise martedì sera. Nella stessa intervista, Assad ha detto oggi di ritenere che la guerra “si trascinerà” ancora per un periodo indefinito di tempo, addossandone la responsabilità ai Paesi che appoggiano i ribelli. “Essendoci molti fattori esterni che non si controllano, si trascinerà ancora, e nessuno a questo mondo può dire per quanto“, ha affermato Assad.

Il presidente si è dichiarato convinto che i milioni di siriani fuggiti dal Paese torneranno entro pochi mesi se gli Usa, l’Arabia Saudita, la Turchia e il Qatar smetteranno di sostenere gli insorti. “Non credo che gli Usa siano pronti ad unirsi alla Russia nel combattere i terroristi in Siria”, ha osservato. (ANSAmed).

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Assad: Paesi stranieri appoggiano i ribelli, la guerra continuerà”

  1. Ma come può fare gli USA a unirsi con i Russi per combattere i terroristi? quanto sono loro i foraggiatori di tutto questo scempio! poi gli si scoprono tutte le magagne fatte dagli Americani dell’abbronzato!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -