Bergamo: violenza inaudita, madre e figlio pestati da extracomunitario

 

Bergamo – Aggressione, ieri (martedì 20 settembre) verso mezzogiorno, in una tabaccheria di via Noli, in città, che si trova a fianco della questura di Bergamo.

Un uomo di origine straniera – scrive bergamo.corriere.it -  è entrato in una tabaccheria per fare un fax internazionale. Al momento del pagamento ha avuto da ridire sul costo del fax. Poi è uscito, dimenticando sul bancone un mazzo di chiavi. Più tardi è tornato per riprenderle e, accusando la tabaccaia di avergliele nascoste, le ha dato un pugno. Il figlio della donna è intervenuto per soccorrere la madre, è stato preso a pugni e calci e ne ha avuto tra l’altro il setto nasale rotto. In soccorso è sopraggiunto il garzone del bar che ha preso la sua dose di botte ma è riuscito a fermare l’energumeno.

La Lega: Siamo stanchi di un paese dove una politica demenziale sta riempiendo le nostre città e i nostri paesi di centinaia di extracomunitari, tra cui non mancano i violenti e i criminali, entrati in Italia in maniera irregolare ma mantenuti dallo stato



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -