Ankara: attacco a ambasciata Israele, “Attentatore è malato di mente”

 

Attacco con armi da fuoco contro l’ambasciata israeliana nella capitale turca Ankara. Lo riferiscono le tv turche Haber Turk e Ntv.

Sarebbe stato ferito dalle forze di sicurezza turche l’uomo armato di coltello che ha cercato di introdursi nell’ambasciata. Lo scrive il sito del quotidiano Hurriyet, secondo il quale l’uomo è stato fermato con alcuni spari alle gambe. Sarebbe invece incolume il personale dell’ambasciata israeliana, portato in un posto sicuro in seguito al tentativo di assalto.

Intanto la CnnTurk riporta che i militari turchi stanno esaminando un pacco sospetto abbandonato nei pressi dell’ambasciata. In un primo momento, le emittenti locali Haber Turk e Ntv hanno diffuso un bilancio di una persona uccisa nell’attacco.

“Fermeremo il massacro in Medio Oriente”. E’ quanto avrebbe urlato l’assalitore. Come riferisce la CnnTurk, l’uomo è Osman Nuri Caliskan, di 38 anni, e sarebbe mentalmente instabile.

“L’uomo armato di pugnale fermato ad Ankara di fronte all’ambasciata israeliana non ha legami con alcuna organizzazione terroristica”. E’ quanto si legge in un comunicato diffuso dall’ufficio del governatore di Ankara.

Secondo l’incaricato d’affari dell’ambasciata israeliana, Amira Oron, Caliskan non cercava di introdursi nell’ambasciata, come invece riportano i media locali



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -