Kashmir, 17 soldati indiani uccisi da islamisti pakistani

 

PAKISTAN-jaish_e_mohammed

Diciassette soldati indiani sono stati uccisi in un attacco sferrato da militanti in un’importante base militare del Kashmir sotto controllo indiano. Lo ha riferito un comunicato dell’esercito indiano, precisando che l’attacco è avvenuto in una base militare di Uri. “Nello scontro sono stati uccisi anche quattro terroristi“, spiega la nota. La base si trova vicino alla linea di controllo, di fatto un confine militare che divide in due la contesa regione del Kashmir, una parte amministrata dall’India e l’altra dal Pakistan.

Dalle prime indicazioni emerge che i miliziani appartengono al Jaish-e-Mohammad, il gruppo islamista che ha la sua base in Pakistan. E’ quanto sostiene il generale Dalbir Singh, portavoce dell’esercito indiano, che nel corso di una conferenza stampa a New Delhi ha riferito che i quattro assalitori erano tutti di nazionalità straniera e che una parte dell’attrezzatura utilizzata nell’attacco riportava marchi pakistani. I miliziani, ha detto Singh, avevano con sé armi pesanti e hanno utilizzato dei lanciagranate.

I responsabili dell’attacco saranno puniti, ha assicurato il premier indiano Narendra Modi in un post su Twitter. “Condanniamo con forza il vigliacco attacco terroristico a Uri. Assicuro alla nazione che i responsabili di questo attacco spregevole non rimarranno impuniti”, ha scritto Modi. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -