Tagli alla Sanità, “Si tornerà al Medioevo quando si moriva per malattie banali”

 

Catania – “Grazie al dinamico duo Crocetta&Gucciardi, che ha deciso di radere al suolo la sanità etnea, a Catania e provincia si tornerà, come nel Medioevo, a rischiare di morire anche per malattie banali come il morbillo. Se i tagli alla sanità in Sicilia voluti dal Governo regionale sono pesanti e spesso illogici, a Catania la situazione è ben peggiore con la soppressione della quasi totalità dei reparti specialistici e d’eccellenza”. La denuncia arriva da Salvo Pogliese, coordinatore provinciale di Forza Italia e parlamentare europeo, commentando la nuova bozza di rete ospedaliera siciliana presentata dall’assessore regionale Gucciardi.

“Gli ospedali catanesi non solo perderanno più di 200 posti letto – prosegue Pogliese – peggiorando una situazione che già ora vede spesso malati ospitati in traballanti barelle nei corridoi dei nosocomi, perché non ci sono letti liberi, ma soprattutto subiranno il taglio di reparti d’eccellenza e necessari al territorio. Tagliare, come è previsto, le alte specialità del Garibaldi Nesima come l’oncologia, la radiologia e la cardiologia pediatrica vorrà dire costringere i cittadini dell’intera area etnea a viaggi della speranza per potersi curare. Il malgoverno di Crocetta e del Pd, dopo aver ridotto in ginocchio la Sicilia, ora si accanisce anche contro il sacrosanto diritto dei cittadini ad avere cure adeguate e di qualità”.

cataniatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -