New York, indagini sulla Fondazione Trump

 

Il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, ha avviato un’inchiesta sulla fondazione di Donald Trump per una serie di “transazioni sospette”. In un’intervista alla Cnn, Schneiderman ha detto di aver aperto un dossier sulla Trump Foundation “per verificare il rispetto delle norme che regolano le donazioni a New York”.

L’annuncio e’ arrivato una settimana dopo la multa da 2.500 dollari inflitta alla Trump Foundation per donazioni illegali (25.000 dollari nel 2013) al procuratore della Florida, Pam Bondi, supporter di lunga data del miliardario che ha preferito non unirsi alle inchieste sulle presunte truffe alla Trump University. Tra gli altri casi sospetti segnalati dai media Usa, l’acquisto di un ritratto di se stesso con i soldi della Fondazione. Secondo il Washington Post, con i soldi per le opere caritatevoli della Fondazione, Trump avrebbe fatto anche una serie di acquisti personali, come il ritratto, violando cosi’ le regole sugli enti no-profit. E se i deputati democratici reclamano un’inchiesta federale sulle donazioni al procuratore della Florida, in una nota, Jason Miller, portavoce del tycoon newyorchese, ha accusato Schneiderman di agire per ragioni politiche.

“Per anni ha chiuso gli occhi sulla Clinton Foundation e ha appoggiato Hillary Clinton per la presidenza – ha attaccato – questo non e’ che un altro colpo della sinistra volto a distrarre rispetto alla disastrosa settimana della corrotta Hillary Clinton”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -