Nipote di Prodi respinta a frontiera Marocco e rispedita in Italia

 

silvia-prodi11 SET – Erano diretti nella zona del Sahara occidentale, contesa tra il Marocco e i separatisti del fronte Polisario, quando la delegazione dell’associazione umanitaria Jaima Sahrawi, di cui faceva parte, anche se non in veste ufficiale, la consigliera regionale dell’Emilia-Romagna Silvia Prodi (Pd), nipote di Romano Prodi, ex commissario Ue e ora presidente del Gruppo di lavoro Onu-Unione Africana sulle missioni di peacekeeping in Africa, è stata bloccata – anticipa il sito di notizie Reggio Sera – all’aeroporto di Laayoun e costretta dalla polizia locale a tornare in Italia.

La polizia ha ritirato i passaporti e ha fatto imbarcare la delegazione su un aereo per Casablanca. Qui il gruppo di italiani ha passato la notte prima di fare ritorno in Italia poco dopo mezzogiorno. Da diversi anni l’associazione Jaima Sahrawi porta avanti azioni di solidarietà nel Sahara Occidentale a favore del popolo Sahrawi e non sarebbe la prima volta che una delegazione italiana viene respinta dalle autorità del Marocco. (ANSA)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -