UE: ogni mese soldi su carte di credito ai “profughi” in Turchia

 

immigrati-kosL’Ue lancia il programma umanitario più grande della sua storia, per un valore complessivo da 348 milioni di euro, con un “sistema altamente innovativo”, attraverso cioè trasferimenti di denaro diretti ai profughi siriani in Turchia. I soldi, come spiegato dal commissario europeo alle Crisi umanitarie Christos Stylianides, verranno versati direttamente su carte elettroniche ogni mese per permettere loro di far fronte a tutte le necessità.

Il programma, che è destinato a sostenere un milione di rifugiati in Turchia, fa parte dei tre miliardi previsti dall’intesa Ue-Turchia. Secondo quanto spiegato da Stylianides, ogni famiglia di rifugiati siriani sarà dotata di una carta elettronica sulla quale verrà versato il denaro, che potrà essere speso per acquistare cibo e pagare ad esempio le spese scolastiche.

Migranti, Erdogan: i soldi UE per la Turchia sono andati all’Unicef (ONU)

“Si tratta di un sistema innovativo sviluppato in stretta collaborazione con le autorità di Ankara”, ha sottolineato il commissario e sarà condotto attraverso il World Food Programme. Secondo Stylianides, il nuovo sistema può rappresentare “una svolta” nello schema degli aiuti umanitari poiché “riduce i costi intermedi e massimizza gli effetti”. “Il programma – spiega il commissario – sarà seguito molto da vicino, per assicurare che ogni euro inviato sia speso in modo corretto”. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -