Entrambi disoccupati, espulsa la moglie italiana di un ticinese

 

È uno dei temi caldi dell’estate, quello delle espulsioni di genitori stranieri di figli svizzeri. Una pratica oggetto di due interrogazioni dei deputati PPD Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Lorenzo Jelmini (una sui padri, l’altra sulle madri), i quali ritengono che il Canton Ticino stia adottando una politica troppo severa, che penalizza i figli.

Oggi, per corroborare la loro tesi, Fonio, Agustoni e Jelmini hanno pubblicato su Facebook un caso concreto, che riguarda un 45enne ticinese sposato da quindici anni con una donna italiana, alla quale di recente è stato intimato di lasciare il Paese.

Fonio e colleghi precisano che la storia è stata modificata per tutelare le persone coinvolte, ma che “le conclusioni sono invece (purtroppo) reali”.

A raccontare la storia è il protagonista della vicenda, che chiameremo Francesco.

“Buongiorno, mi chiamo Francesco, ho 45 anni e da 15 sono sposato con Irene. Io sono attinente di Corippo mentre mia moglie è cittadina italiana. Da 10 anni siamo genitori del piccolo Luca che è cittadino svizzero avendo preso la mia nazionalità” scrive l’uomo.

“Ho sempre lavorato come cameriere in un ristorante di Lugano. Purtroppo però 4 anni fa il titolare ha deciso di chiudere l’attività e sono finito in disoccupazione” prosegue Francesco. “Il mondo del lavoro in questi anni è sotto pressione e come molti altri ticinesi come me non sono riuscito a trovare nulla e dopo due anni, sono caduto in assistenza. Un dramma. Un’umiliazione. Una vergogna.”

“Mia moglie, operaia in fabbrica, quando è nato nostro figlio è rimasta a casa per prendersi cura di lui” scrive ancora l’uomo. “Non avevamo chiesto nulla allo stato, semplicemente facevamo una vita semplice: mai una pizza, niente spese pazze e in vacanza una settimana all’anno in campeggio.”

“Nei giorni scorsi ho ricevuto una lettera inaspettata: mia moglie a causa del fatto che io non ho un lavoro e di conseguenza siamo a carico dell’assistenza, dovrà lasciare la mia Svizzera nei prossimi mesi lasciando me e nostro figlio senza di lei” prosegue l’uomo. “Non so quanti dei miei contatti potrebbero trovarsi a vivere una situazione simile alla mia. Spero pochi. Ma sappiate che oggi qualcuno mi ha indicato la strada: se voglio continuare a far vivere mio figlio con sua madre devo lasciare la mia nazione!”

“Questo è quello che succede oggi nel mio cantone” conclude Francesco. “Grazie a tutti voi che avete dedicato il vostro tempo a leggere la mia storia.”  ticinonews.ch



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -