100 persone bloccate nella cabinovia panoramica del Monte Bianco

 

funivia_monte-bianco

AOSTA, 8 SET – Oltre cento persone sono bloccate nella cabinovia panoramica del Monte Bianco, a causa di un guasto, sul versante francese del massiccio, a oltre 3.000 metri di quota. La linea collega la stazione dell’Aiguille du Midi (Francia) a quella italiana di Punta Helbronner (punto di arrivo della Skyway Monte Bianco, che parte da Courmayeur) e al comune di Chamonix (Francia).

Secondo i media francesi, il guasto è dovuto a dei cavi incrociati che i tecnici al momento non sono riusciti a sistemare.
E’ probabile quindi che le persone bloccate nelle cabine vengano evacuate con gli elicotteri della gendarmeria di Chamonix, ma sono stati allertati anche i vicini soccorritori italiani e svizzeri.

——————————-

Rischiano di trascorrere parte della notte sospese a oltre 3 mila metri di quota le persone ancora bloccate sulla cabinovia panoramica francese del Monte Bianco. Secondo quanto appreso dall’ANSA, una nuvola impedisce infatti agli elicotteri dei soccorritori di avvicinarsi alla cabina ferma per un guasto vicino alla stazione di Punta Helbronner (3.462 metri). Nonostante gli elicotteri francesi siano abilitati al volo notturno, dunque, le operazioni di evacuazione sono state sospese.

Per rassicurare le persone, in ogni cabina sarà portato un soccorritore. Il tratto dove si è registrato il guasto è tra la stazione dell’Aiguille du midi, a 3.776 metri di quota, e quella di Punta Helbronner (3.462 metri), collegata a Courmayeur attraverso la funivia italiana Skyway del Monte Bianco, che funziona regolarmente. Il tratto di telecabina tra l’Aiguille du midi e Chamonix (Francia) non è coinvolto. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -