Udine: “profughi” prendono a calci i passanti e danneggiano auto

 

Lo scorso 26 luglio crearono lo scompiglio nella zona di Parco Moretti. Questa volta il teatro delle loro gesta è stata la zona della stazione ferroviaria, nello specifico tra l’autostazione e via Leopardi. Si tratta di due sedicenti profughi afgani, ospitati alla “Cavarzerani”, che nella serata di ieri – sotto l’effetto dell’alcol – dopo un’iniziale lite tra di loro se la sarebbero presa anche con una ragazza che passava nei dintorni. Danneggiate – pare- anche le vetrine di alcuni negozi e delle vetture in sosta.

La testimonianza della donna è al vaglio delle forze dell’ordine, intervenute sul posto per bloccare la coppia. Forti dell’euforia alcolica hanno cercato di aggredire anche poliziotti e carabinieri intervenuti, ma la resistenza è durata poco.

udinetoday.it

I cittadini spesso si domandano come mai i profughi che si rendono protagonisti di gravi episodi non vengano rimpatriati in poco tempo. Di fatto, come ha spiegato lo stesso questore, ciò non è possibile fino alla definizione della pratica relativa alla loro richiesta di asilo.

È questo il pensiero del sindaco di Udine, Furio Honsell: «Esprimo la massima preoccupazione per quanto è accaduto, anche perché si tratta di problematiche stigmatizzate già da molto tempo, sia rispetto alle difficoltà di gestione delle persone che ricevono un foglio di via o che comunque si rendono responsabili di fatti gravi, sia per quanto riguarda l’abuso di alcol».

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -