“Figlie del sole”, brigata di ex schiave dell’Isis giura vendetta

 

yazidi

“Mi sono arruolata come volontaria per vendicare le vendicare mia sorella che è stata uccisa dall’Isis”. Così Yasin, una ragazza yazidi ex schiava dei jihadisti dello stato Islamico oggi “ufficiale” della brigata “Filgie del Sole”, composta da 142 donne della minoranza curda-yazidi riuscite a sopravvivere al genocidio perpetrato nell’agosto 2014 dagli uomini del Califfato nero contro la loro comunità etnico-religiosa. La tv satellitare curda “Rudaw” ha mandato in onda un video su questa brigata istituita dai peshmerga curdi della regione autonoma del Kurdistan iracheno.

“Siamo in 140 e quasi tutte eravamo i mano all’isis ed abbiamo deciso di impugnare le armi perchè non si ripeta l’ingiustizia che abbiamo subito”, afferma Yasmin. “Sono qui per difendere la patria e sono pronta per andare dovunque per combattere, l’Isis non ci fa più paura”, dice invece un altra combattente che si chiama Inas Kheiru. La loro missione è “vendicare” il torto subito e per questo sono disposte a tutto: “Ci siamo addestrate all’uso di molte armi: lanciarazzi, kalashnikov, Rpg. Siamo volontarie e siamo qui per liberare le nostre sorelle dalle mani dell’Isis”, afferma Nadia, un’altra reclute del campo di Sinuni a pochi chilometri da Sinjar patria degli yazidi a ovest di Mosul liberata dai jihadisti nel novembre del 2015. askanews



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -