Muraro (M5s) indagata da aprile. E la Raggi lo sapeva

 

Roma – Paola Muraro era indagata fin da aprile, e lo ha saputo, comunicandolo subito al sindaco Virginia Raggi, a fine luglio.

Raineri, ex capo gabinetto della Raggi: “la Muraro sapeva di essere indagata e voleva andare a parlare con i pm per caldeggiare l’archiviazione“.

raggi-muraro

Esplode nella sede istituzionale della Commissione Ecomafie della Camera la notizia che porta ulteriore caos in un Campidoglio gia’ in piena tempesta da giorni. In audizione, l’assessore alla sostenibilita’ ambientale insieme alla sindaca pentastellata. All’ordine del giorno la situazione dei rifiuti a Roma. Ma dopo giorni di confusione, tra smentite e conferme, la parola finale sulle indagini sulla Muraro la mette il presidente della Commissione, Alessandro Bratti, che riportando una comunicazione della Procura di Roma spiega: “Paola Muraro e’ iscritta nel registro delle indagini dal 21 aprile 2016″. E la stessa Muraro ammette: “A fine luglio ho chiesto alla Procura e ho saputo di un 335″ cioe’ dell’articolo del codice di procedura penale che disciplina l’iscrizione nel registro degli indagati per l’”articolo 256 comma 4″ del testo unico Ambiente, riguardante relazioni delle norme ambientali sulla gestione dei rifiuti.

Infine, la conferma della Raggi: “Verso fine luglio, tra il 19 e la fine del mese, ho saputo del fascicolo aperto sull’assessore Muraro ma tuttavia sono ancora in attesa di conoscere le carte”. In ogni caso, il sindaco aveva subito informato i vertici del M5S.

L’”affaire” Muraro, insomma, fa traballare la Giunta capitolina, colpendola proprio su uno dei refrain piu’ cari del movimento: l’obbligo di dichiarare immediatamente di essere indagati, e nel caso di dimettersi. In questo caso, pero’ il sindaco prende tempo: “Al momento – ha precisato – c’e’ un fascicolo ma non si sa nulla” e anche se si conosce l’articolo del codice ambientale per il quale e’ indagata la Muraro, Raggi ha osservato: “Ma e’ molto generico. Si tratta di una contestazione generica e non c’e’ ancora nessun avviso di garanzia. Abbiamo fatto questa valutazione in una riunione anche con l’ex capo di Gabinetto, osservando che la contestazione e’ troppo generica per capire di cosa stiamo parlando. Appena sapremo meglio prenderemo provvedimenti”. Su questo punto, ha tenuto a sottolineare Raggi, “siamo coerenti. Non arretreremo di un millimetro”.

Al momento, non e’ previsto “nessun passo indietro” della Muraro.

(AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -