La coop bolognese alla cena degli ex Br

 

Bologna, 5 settembre 2016 – Riuniti al vecchio tavolo, come quasi mezzo secolo fa. Da lì, nel ‘covo’ del ristorante ‘Da Gianni’ di Costaferrata, frazione di Casina nel Reggiano, è partito tutto. E lì, venerdì sera, molti di loro sono ritornati.

nadia-mantovani-be

Come scrive il Resto del Carlino, nel ristorante dove, nei primi anni Settanta, nacque l’esperienza eversiva che portò alle Brigate Rosse, venerdì sera c’erano anche Nadia Mantovani, che fu compagna di Renato Curcio, e un gruppetto di trentenni, dipendenti della cooperativa bolognese ‘Verso Casa’, da lei fondata, che si occupa del reinserimento lavorativo dei detenuti.

Tra i tavoli di ‘Gianni’ sarebbe nato il simbolo della stella a cinque punte. Idee rosse, allora, diventate talmente rosse da confondersi poi con il sangue delle vittime del terrorismo.

Mantovani fu condannata per un totale di 20 anni e 2 mesi di reclusione per i reati di terrorismo, banda armata, sequestro di persona, rapina, associazione sovversiva. Reclusa nei carceri speciali di Torino e Voghera si dissociò dalle Brigate Rosse nel 1985.

Venerdì sera, attovagliati al ristorante, c’erano anche Roberto Ognibene, Loris Tonino Paroli e Lauro Azzolini. E poi Raffaele Fiore, Antonio Savino, Giuseppe Battaglia, Piero Bertolazzi e Bianca Amelia Sivieri. Sono stati però i ragazzi bolognesi, come racconta l’avvocato Vainer Burani, che ha partecipato alla cena, a salutare a fine serata con il pugno e cantare ‘L’Internazionale’.



   

 

 

2 Commenti per “La coop bolognese alla cena degli ex Br”

  1. E ti pareva che non si rincontrassero con la cena!

  2. Ma che bella rimpatriata!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -