Siria: ribelli sostenuti dagli Usa decapitano soldati

 

A poco più di un mese di distanza dalla decapitazione di Mahmoud, un povero bimbo palestinese decapitato dai ribelli di Harakat Nour al-Din al-Zenki (gruppo sostenuto da Turchia e Stati Uniti), ecco che arriva un’altra tragica notizia dal fronte siriano.

ribelli-decapitazione

Come è noto, i ribelli stanno avanzando verso la città di Hama che, per il momento, è ancora sotto il controllo di Bashar al Assad. Secondo quanto riferisce Al Jazeera, i ribelli hanno preso il controllo di una base missilistica e della caserma di Al Matahin nel villaggio cristiano di Marde e hanno attaccato i soldati di Assad presso l’aeroporto di Hama. L’avanzata delle fazioni islamiste sta causando un esodo degli abitanti delle città finora controllate dalle forze governative, popolate da cristiani e alawiti.

In questa avanzata, sono le fazioni islamiste a farla da padrone, in particolare Jund al-Aqsa (un gruppo siriano legato ad Al Qaida) e Jaish al-Izzah (gruppo sostenuto dagli Usa anche con l’invio di missili Tow e affiliato all’Esercito siriano libero).

 Secondo quanto riporta Al Masdar, i miliziani di Jund al-Aqsa e di Jaish al-Izzah avrebbero decapitato due soldati dell’esercito siriano. Le immagini sono tremende: i boia fanno inginocchiare i militari e, in perfetto stile Isis, estraggono i coltellacci e li decapitano. Il tutto mentre scattano fotografie.

ribelli-decapitazione2

GLI OCCHI DELLA GUERRA  Matteo Carnieletto

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -