Sfruttano lavoratori in nero, denunciati ucraini

 

ISERNIA, 3 SET – Lavoratori stranieri sfruttati nei campi di Sesto Campano (Isernia). I carabinieri hanno scoperto 35 bulgari, soprattutto donne, a raccogliere fagiolini senza alcun contratto o forma di tutela. “Lavoratori a nero – spiegano i militari dell’Arma – spesso costretti a turni di lavoro massacranti, non adeguatamente retribuiti e ridotti quasi in uno stato di schiavitù”.

I Carabinieri della Stazione di Sesto Campano e del Nucleo Operativo e Radiomobile di Venafro (Isernia) hanno denunciato un 30enne ed una 45enne di nazionalità ucraina per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in concorso. I due, residenti a Mondragone (Caserta) “reclutavano e impiegavano gli operai nella raccolta di prodotti agricoli a Sesto Campano”. Due furgoni Ford Transit, utilizzati per il trasporto degli operai, sono stati sottoposti a sequestro. Gli operai e le operaie bulgare non hanno documenti di identità. Sono stati trasferiti in caserma per gli accertamenti di rito. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -