Toscana, allevatore trova pecore sbranate: 3a volta in una settimana

 

TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO), 30 AGO – Venti pecore sbranate e una quindicina che mancano all’appello. E’ il bilancio tracciato questa mattina dall’allevatore di Terranuova Bracciolini (Arezzo) Egidio Marcia che per tre volte, nell’ultima settimana, ha trovato il suo gregge tra il sangue.

“La situazione è davvero drammatica – spiega il segretario di zona Coldiretti Alberto Fattorini – perché oltre al gravissimo danno per la perdita degli animali e del latte, c’è anche la beffa doppia: l’agricoltore deve pagare la tassa per lo smaltimento delle carcasse, non solo, ma al momento non può aspettarsi neanche il risarcimento del danno, visto che la Regione Toscana non interviene più con gli indennizzi diretti”.

Coldiretti lancia il grido di allarme e chiede una legislazione che garantisca l’esercizio della zootecnia nel rispetto del lavoro degli agricoltori associati. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Toscana, allevatore trova pecore sbranate: 3a volta in una settimana”

  1. Queste pecore sono state sbranate, mangiate vive dai lupi che i compagni verdi-piddini hanno voluto introdurre in Italia, le pecore nostrane ormai hanno perso la memoria circa la pericolosità dei lupi e non ne hanno timore. Gli stessi compagni ora al governo nazionale, stanno introducendo i tagliagole mussulmani ed africani in Italia al ritmo di migliaia al giorno, presto questi immigrati ci scanneranno come pecore, perchè anche noi abbiamo perso la memoria circa la pericolosità dei mussulmani e dei traditori italiani.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -