“Sono un profeta di Allah”, marocchino declama il corano e ferisce un agente

 

Cosenza – Nella mattinata di ieri il personale della Polizia di Stato ha tratto in arresto il Cittadino marocchino Youssef Boukerim di anni 24 resosi responsabile di violenza e resistenza a P.U.

“In particolare – si legge in una nota della Questura di Cosenza – il personale della Squadra Volanti del Commissariato di P.S. di Castrovillari è intervenuto a seguito di segnalazione  nei pressi del piazzale autolinee dove il giovane marocchino ostentava una copia del Corano declamandone i versi ad alta voce, stringendo a se uno zainetto. Boukerim si è rifiutato di  fornire le proprie generalita’ agli agenti, aggredendoli prima verbalmente e poi fisicamente quando gli stessi tentavano di ispezionare il contenuto dello zainetto.

Nel corso del controllo il giovane marocchino continuava ad urlare frasi quali ‘Io rispondo solo al Corano’, ‘Sono un profeta di Allah’, ‘Siete tutti peccatori ed infedeli’. Nonostante le resistenze del marocchino, il personale della Polizia di Stato, che riportava ferite dichiarate guaribili in sette giorni, traeva in arresto il giovane che veniva associato presso la Casa Circondariale di Castrovillari”.   cosenza.weboggi.it



   

 

 

1 Commento per ““Sono un profeta di Allah”, marocchino declama il corano e ferisce un agente”

  1. Ecco chi sono i migranti, la quale difendono e proteggono il come li chiamano i Politici attuali va un grazie ma in M. per il regalo che hanno voluto fare a tutti gli Italiani, complimenti vivissimi anche ai Kattocomunisti che li votano.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -