Terrorismo, Kerry: dietro gli attacchi in Bangladesh c’è l’Isis

 

kerryCi sono prove che dietro gli attacchi degli ultimi mesi, tra i quali anche uno in cui sono morti nove italiani, c’è lo Stato islamico (Isis). L’ha sostenuto oggi il segretario di Stato Usa John Kerry, in colloqui con le autorità locali a Dacca.

“Abbiamo parlato molto apertamente su questo e abbiamo chiarito…che ci sono prove che lo Stato islamico in Iraq e Siria ha contatti con otto differenti entità nel mondo e una di queste è in Asia meridionale”, ha detto Kerry.”Sono connessi – ha continuato – a qualche livello con gli operativi qui e l’hanno chiarito nelle loro conversazioni. Non ci sono discussioni su questo”.

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

Kerry ha incontrato membri dell’amministrazione della prima ministra Shekh Hasina, la quale finora ha negato che l’Isis abbia preso piede in Bangladesh.Il paese da mesi è al centro di violenze: militanti islamici hanno attaccato, spesso a colpi di machete, esponenti delle minoranze religiose, intellettuali, esponenti della società civile. Il peggiore attacco è avvenuto a inizio luglio, quando un commando ha fatto strage in un ristorante uccidendo 22 persone, tra le quali c’erano anche nove cittadini italiani.(Con fonte Afp)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -