Svizzeri nettamente a favore del divieto di burqa

 

Gli svizzeri sono nettamente a favore di un divieto del burqa, lo mostra un sondaggio di “Matin Dimanche” e “SonntagsZeitung”. Oltre il 71% degli intervistati sostiene questa misura.

Secondo l’inchiesta pubblicata oggi, il 55% degli interrogati approva l’iniziativa lanciata in marzo che mira a vietare il velo integrale nella Confederazione. Il 16% si dice piuttosto d’accordo, il 9% piuttosto contrario e il 17% contrario. Il 3% non si è espresso.

Il sostegno a questo divieto arriva sia dagli uomini (73%) che dalle donne (69%) e non conosce differenze linguistiche: raggiunge il 72% nella Svizzera tedesca e il 70% fra i romandi. In Ticino, dove una legge contro la dissimulazione del viso esiste già, il “sì” raggiunge l’85%.

Differenze si riscontrano però in base all’appartenenza politica: fra i sostenitori dell’UDC l’iniziativa è approvata dal 96% degli interrogati, quota che scende al 33% fra i Verdi. I socialisti appaiono invece molto divisi, con un 47% di favorevoli. Il testo è poi approvato dalla maggioranza degli elettori borghesi.

Quasi uno svizzero su due (49%) sostiene inoltre di avere paura di un attentato nella Confederazione. I romandi (55%) si dimostrano più preoccupati degli svizzero tedeschi (48%) e degli italofoni (47%).

Il sondaggio è stato realizzato fra il 22 e il 23 agosto su un campione di 15’824 cittadini, ripartiti in maniera rappresentativa dal punto di vista demografico, geografico e politico. Il margine di errore è circa dell’1,2%.  ticinonews.ch



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -