Roma, lite a colpi di machete: un ferito

 

Al culmine di una lite ha colpito un romeno di 48 anni con il machete. Un 62enne, originario della provincia di Crotone, ma da tempo residente a Roma, è stato arrestato dai carabinieri della stazione Roma Casalotti con l’accusa di lesioni personali dolose aggravate.

L’uomo aveva discusso con il 48enne con il quale, tempo fa, aveva intrattenuto un rapporto di lavoro. Quando i due si sono incrociati in via del Casale di Sant’Angelo, sono subito volate parole grosse ma, questa volta, il 62enne, che stava eseguendo dei lavori di giardinaggio, ha reagito colpendo due volte il romeno con un machete che aveva in mano.

Il primo colpo ha preso la vittima in pieno alla spalla, causandogli una profonda ferita, il secondo lo ha, fortunatamente, preso solo di striscio al dorso. La moglie della vittima, che ha assistito alla scena e che è stata minacciata di morte da parte dell’aggressore, ha chiamato il 112. I carabinieri della stazione Roma Casalotti, arrivati sul posto, hanno arrestato il 62enne e attivato i soccorsi per il ferito.

Il 48enne romeno è stato trasportato da un’ambulanza del 118 all’ospedale “Padre Pio” di Bracciano, dove si trova tutt’ora ricoverato in attesa di prognosi ma non in pericolo di vita. Il 62enne, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato trattenuto in caserma in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -