Tunisia: sale il debito pubblico, pronti a misure di austerità

 

Non ha lesinato dati e cifre il premier incaricato tunisino Youssef Chahed nel suo discorso programmatico davanti al parlamento del Bardo, riunito in udienza plenaria per la decidere sulla fiducia al governo di unità nazionale.

tunisia-Youssef-Chahed

Chahed aveva preannunciato di voler essere sincero e cosi’ ha fatto, dipingendo una situazione finanziaria difficile con un debito pubblico salito ormai al 62% del Pil (56 mln di dinari nel 2016), con la produzione dei fosfati calata del 60%, con un crollo del settore energetico e turistico, accompagnata da un aumento doppio della massa salariale statale: insomma una situazione alla quale porre subito rimedio con misure ad hoc.

“A causa di queste difficoltà abbiamo fatto ricorso all’aiuto dell’Fmi, e non il contrario, se le cose non andranno meglio nel 2017, la Tunisia dovrà necessariamente adottare una politica di austerità. Tutti sono responsabili di questa situazione anche se un certo sentimento di impunità ha aggravato la situazione, dalla quale dobbiamo pero’ uscire da soli. Per questo abbiamo più che mai bisogno di unione nazionale” ha detto il premier ai deputati.

Il Fmi presta altri 2,9 miliardi di dollari alla Tunisia in cambio di “riforme”

Prestiti per 2,8 miliardi di dollari, la Tunisia nelle grinfie del Fmi

”In cima alle priorità la lotta al terrorismo per la quale metteremo in atto tutti i meccanismi legislativi che permettano la protezione delle forze dell’ordine, ma la responsabilità di questa lotta investe anche tutti i cittadini che devono assicurare una corretta educazione ai loro ragazzi e proteggerli da questo pericolo. Inoltre mi impegno a dire la verità sugli omicidi politici dei deputati Chokri Belaid e Mohamed Brahmi”. ”Seconda priorità la lotta alla corruzione, per la quale ci impegnamo a mettere in atto un quadro giuridico adeguato che faciliti il compito della Commissione nazionale Anticorruzione.

In quest’ottica prometto che tutti i membri del governo dovranno dichiarare i loro beni nel giro di due settimane”, ha affermato ancora Chahed.

Riguardo allo sviluppo il premier incaricato ha sottolineato come sia necessario tornare al lavoro e incoraggiare gli investimenti facendo fronte agli scioperi selvaggi affinché possa riprendere la produzione dei fosfati.

Altro capitolo quello dell’ambiente e dei rifiuti urbani: ”non è stata creata alcuna centrale di riciclo di rifiuti solidi urbani negli ultimi cinque anni, e quello dei rifiuti è sicuramente un problema da risolvere oggi adottando un altro tipo di approccio, con l’intervento delle amministrazioni locali”.

“Non sono qui solo per ottenere il voto di fiducia – ha concluso – ma perché voi accettiate la nostra nuova visione.

Dobbiamo rimanere tutti uniti per la Tunisia e la mia mano sempre tesa verso di voi”, ha detto ai deputati.(ANSAmed).

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -