Truffa all’Inps da un milione di euro, 25 stranieri denunciati

I due anziani, all’oscuro di tutto, si sono visti chiedere i contributi per i lavoratori extracomunitari da diverse province, così si è scoperta la frode.

Dichiaravano di essere impiegati come badanti presso una coppia di anziani presentando all’Inps falsi documenti di assunzione e ottenendo in tal modo il rinnovo del permesso di soggiorno e l’indennità di disoccupazione. In realtà nessuno di loro aveva mai lavorato per la coppia, all’oscuro di tutto. E’ quanto accaduto a Cremona, dove i carabinieri hanno scoperto una maxi-truffa ai danni dell’Inps messa in piedi da venticinque persone che sono state denunciate.

Le indagini, condotte dai militari della compagnia di Casalmaggiore diretti dal comandante interinale Alessandro Placidi e coordinati dal comando provinciale di Cremona, sono scattate in seguito alla querela sporta dai due anziani che si sono visti recapitare dalle sedi Inps di diverse province d’Italia la richiesta di versamento dei contributi per 25 badanti risultati impiegati presso di loro, ma di cui ignoravano l’esistenza.

Adnkronos



   

 

 

2 Commenti per “Truffa all’Inps da un milione di euro, 25 stranieri denunciati”

  1. Bravi … ma da chi sono stati consigliati.??? Avvocato.? Politico?

    • Come non condividere con 92-ORTICA, aggiungerei che di consigli questi ne hanno tantissimi, la lista e anche lunga, basta vedere quello che e successo a Fermo nelle Marche che anche qualcuno della chiesa affermò che il migrante ma io li chiamo clandestini morì per le botte ricevute dal Fermano, invece il Fermano dopo essere stato picchiato a sua volta reagì con un pugno lo fece cadere e battendo la testa sul marciapiede, l’autopsia confermò che era deceduto x aver battuto la testa sul marciapiede e i medici del carcere confermarono le botte e morsi che aveva ricevuto x non parlare della testimonianza della Moglie dichiarando il falso ai Giudici che onore a loro non sono caduti nel tranello, e interrogando di nuovo la moglie dichiarava che non parlava Italiano e non aveva capito, li ci stava lo zampino del P.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -