Pezzi di ricambio di aerei militari rivenduti all’estero, 9 arresti

Chiuse le indagini della Guardia di finanza di Luino (Varese) e del Nucleo di Polizia tributaria di Varese con al centro un presunto traffico di sostanze stupefacenti e di pezzi di ricambio di aerei di proprietà dell’Aeronautica militare.

L’inchiesta – in tutto gli indagati sono 14 – ha portato all’arresto in flagranza di 9 persone tra cui, nel giugno 2015, un maresciallo all’epoca in servizio alla base dell’Aeronautica di Latina. Tra gli indagati ci sono altri due militari, accusati di associazione a delinquere finalizzata al peculato militare in concorso con il maresciallo arrestato.

Secondo quanto è emerso dalle indagini, parti elettroniche e meccaniche di aeromobili militari venivano trafugate e vendute in Italia e all’estero su un “mercato parallelo” attraverso l’intermediazione del dipendente di una società del settore dell’aviazione civile, anche lui tra gli arrestati. L’operazione ha portato anche al sequestro di circa 6 kg di droga.

L’anno scorso le Fiamme gialle avevano sequestrato due container contenenti pezzi di aerei pronti per essere ceduti in cambio di denaro. Il maresciallo dell’ Aeronautica, addetto all’ufficio dismissioni, era stato sorpreso dalla Gdf e dai carabinieri di Ciampino (Roma) mentre cedeva al dipendente dell’azienda del settore dell’aviazione civile – azienda che non è coinvolta nel traffico – una valvola idraulica e un attuatore che regola l’apertura del carrello degli aerei: pezzi di proprietà dell’amministrazione militare, provenienti dai magazzini della caserma del settantesimo Stormo di Latina. I due uomini, di 46 e 55 anni, erano stati quindi arrestati in flagranza.

Altro materiale pronto per essere rivenduto è stato trovato nel corso delle perquisizioni, nascosto negli uffici e nelle abitazioni degli altri due militari coinvolti e stoccato nei container. Le indagini sul presunto traffico di pezzi di ricambio destinati principalmente al mercato estero sono partite da un’ inchiesta su un gruppo con base in provincia di Varese che trafficava sostanze stupefacenti. Uno dei vertici, un 40enne arrestato nel settembre 2015 in Svizzera, dove aveva costruito un bunker a ridosso della sua abitazione, era infatti in contatto con persone coinvolte nel traffico di materiale aeronautico. Nell’ ambito dell’inchiesta sono stati sequestrati anche 17mila franchi svizzeri, quattro auto e una pistola. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -