Fisco, accuse USA contro la UE: discriminate multinazionali americane

 

usa-ueBRUXELLES – Bruxelles respinge al mittente le accuse di Washington di aver preso di mira le società americane, da Apple a Starbucks, per i ‘tax rulings’, gli accordi fiscali con i singoli Paesi Ue come Irlanda, Lussemburgo e Olanda che hanno consentito loro di pagare meno tasse del dovuto.

“La legislazione Ue si applica in modo indiscriminato a tutte le società che operano in Europa, non c’è nessun pregiudizio contro quelle americane”, ha dichiarato una portavoce della Commissione Ue che ha “preso nota” del White paper del Tesoro Usa che la ha di fatto accusata di essere diventata “un’autorità fiscale sovranazionale che rivede le decisioni degli stati membri” sull’imposta sui redditi d’impresa. Per il Tesoro americano, anzi, questo “cambiamento di approccio” stabilisce “uno sgradito precedente che potrebbe spingere altre autorità fiscali” a imporre “recuperi retroattivi ampi e punitivi alle società Ue e Usa”.

La prima società a cui la Commissione ha chiesto il pagamento di tasse non pagate tramite un tax ruling è stata Fiat in Lussemburgo, ha ricordato la portavoce, elencando anche il caso di circa 35 società principalmente europee toccate dalla stessa decisione in Belgio. In Lussemburgo l’Antitrust Ue ha aperto un’altra indagine su Amazon, mentre Starbucks è già finita nel mirino per gli accordi fiscali con l’Olanda e ora è atteso un pronunciamento su Apple in Irlanda. In ogni caso la Commissione, ha assicurato la portavoce, è in contatto con le autorità Usa e “resta disponibile a offrire ogni ulteriore chiarimento” sulla legislazione Ue sugli aiuti di stato, che non consente vantaggi selettivi illegali tramite trattamenti fiscali agevolati individuali. ANSA EUROPA



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -