Brescia: rissa e bottigliate tra nordafricani, grave un 25enne

 

Brescia – Violenta rissa giovedì sera, tra il Parco Gallo e Via Nisida: coinvolti due giovani stranieri, uno di loro è finito in ospedale, l’altro sarebbe scappato seppur ferito. Tutto è successo intorno alle 22, al Parco Gallo: i due nordafricani, entrambi meno che 30enni, si sono prima insultati a parole e poi sono venuti alle mani.

La lite dal parco si è spostata in strada, in Via Nisida appunto. Qui uno dei due avrebbe armeggiato con una bottiglia, frantumandola a terra per poi usarla per colpire il suo “avversario”. Il ragazzo sarebbe stato preso alla schiena e al volto.

Con il volto tumefatto e ricoperto di sangue, si è accasciato a terra. Un terzo ragazzo è intervenuto per sedare la rissa, ma sarebbe rimasto ferito anche lui. In ospedale invece il ferito più grave, un ragazzo di 25 anni residente in città trovato al limite dello svenimento, sdraiato sul marciapiede.

Avrebbe riportato ferite e tagli profondi al volto, alle braccia, alla schiena e al torace. Non si hanno ancora notizie del suo aggressore, fuggito nel buio della notte. Indagano i Carabinieri: alla scena avrebbero assistito alcuni testimoni. Poi ci sono le telecamere.

bresciatoday.it



   

 

 

1 Commento per “Brescia: rissa e bottigliate tra nordafricani, grave un 25enne”

  1. Sono arrivati i Barbari in Italia, e come durante l’ultima guerra alla sera c’è il coprifuoco, almeno durante l’ultima guerra lo sapevi e il governo avvisava i cittadini anche con manifesti e altoparlanti, ora siamo a rischio anche senza preavviso!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -