Egiziano massacra un anziano: rilasciato. Dopo 2 giorni accoltella un ragazzo

 

Sant’Angelo Lodigiano (Lodi) – Massacra un anziano a calci, pugni e bastonate. Viene lasciato libero e, qualche ora dopo, trova per strada il giovane che lo aveva bloccato, nella sequenza da arancia meccanica che avrebbe potuto uccidere il 67enne, e lo accoltella forandogli un polmone e facendolo finire dritto in sala operatoria.

La certezza della pena in Italia «è quanto di più incerto esista»

coltellataFinalmente arrestato, ora il trentenne egiziano è stato portato in cella di sicurezza nella caserma dei carabinieri di Lodi e stamattina dovrà affrontare, in tribunale a Lodi, il giudizio per direttissima per lesioni personali aggravate. Si chiama Moustafa Hussein, ha 30 anni. Da dieci anni circolava per Sant’Angelo Lodigiano e da qualche mese chiedeva, dal pomeriggio alla sera, la carità, di negozio in negozio in centro. E bisognava dargliela. E c’è anche chi gli ha detto no e si è trovato le gomme dell’auto tagliate come raccontano diverse persone in paese.

Tre giorni fa l’egiziano blocca, fuori da un bar, per l’ennesima volta un anziano del posto. Si chiama Andrea Grossi, prende 500 euro di pensione al mese e ha fondato, per poi esserne l’animatore volontario per 35 anni, la locale sezione della Croce Bianca. L’uomo gli aveva dato due euro di mancia il giorno precedente. Stavolta non ha moneta. Cerca di spiegarlo all’egiziano che all’improvviso scatena l’inferno. Prima gli assesta, violentissimo, due pugni in faccia. Poi si guarda intorno veloce e, in pochi secondi, trova un manico di scopa abbandonato: inizia a colpire Andrea a bastonate dappertutto. All’addome, alle braccia, alle gambe e anche in testa. L’uomo trova la forza di chiedergli perché gli stia facendo tutto questo. Per tutta risposta, l’egiziano continua a assestare nuovi colpi. Intorno a loro diverse persone che, però, si allontanano velocemente temendo il peggio.

Solo un ventisettenne, italiano, a un certo punto urla all’immigrato: «Cosa fai? Smettila subito, non vedi che lo stai ammazzando?». Dopo di che, prendendo colpi a sua volta, lo allontana dal pensionato. Sarà un ufficiale della polizia locale a disarmare del bastone l’egiziano e a placcarlo. Poi arrivano anche i carabinieri. E l’ambulanza. Andrea Grossi viene portato in ospedale. E l’aggressore? Se ne torna a casa tranquillo. È così che due giorni dopo, a due passi da casa, incontra il ventisettenne che aveva difeso l’anziano e che ha la sfortuna di abitare vicino a lui, e lo colpisce diverse volte al torace con un coltello da tasca lungo cinque centimetri, mandandolo in prognosi riservata. Finalmente arriva l’arresto.

Il sindaco di Sant’Angelo Lodigiano Maurizio Villa oggi chiederà, urgentissima, la riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica perché «fatti simili non si debbano mai più vedere». A Sant’Angelo Lodigiano gli stranieri rappresentano, ormai, il 18 per cento della popolazione. Solo un mese fa un nordafricano aveva fatto irruzione nella basilica locale, durante la Messa, terrorizzando e urlando frasi in arabo.

E tutti ricordano ancora il massacro di capodanno di sette anni fa, quando fu ucciso brutalmente nel suo negozio, per rubare due soldi e quattro gratta e vinci, il tabaccaio settantacinquenne Mario Girati: da tre tunisini e un egiziano.

IL GIORNALE



   

 

 

3 Commenti per “Egiziano massacra un anziano: rilasciato. Dopo 2 giorni accoltella un ragazzo”

  1. Semplicemente pazzesco.

  2. L’accaduto si commenta da solo. Per un fatto simile in Francia o Germania, avrebbero detto che si trattava di uno squilibrato mentale, da noi invece nulla di tutto questo è si aspetta per arrestarlo e processarlo che qualcuno ci rimetta la pelle. Le forze dell’ordine, di ogni ordine e grado, non tengono sotto osservazione e controllo nessuno e in particolare poi quelli che non svolgono nessuna attività lavorativa.

  3. basta , siamo stufi , non sono di nessun partito e mai stato , ma adesso basta !!!!!!! padroni a casa nostra e i rompi palle via ,,,,,, prima aiuti per noi …………… il resto o si comportano bene o altrimenti via al loro paese

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -