“Profuga di guerra” bloccata in auto con tre chili di droga

 

profuga-droga

Viaggiava in auto assieme a due connazionali trasportando tre chili di marijuana. Una ventunenne nigeriana, in possesso del permesso di soggiorno per motivi umanitari soltanto da un mese, è finita dietro le sbarre con l’accusa di detenzione a scopo di spaccio di sostanze stupefacenti.

Come scrive il Gazzettino, gli agenti della Squadra volante hanno intercettato una Mitsubishi Spacestar che viaggiava in maniera pericolosa. Poi una manovra azzardata che ha convinto gli agenti a dare un’occhiata alla vettura. Quando la volante ha azionato i lampeggianti Frank Eze, 39enne nigeriano, con residenza in città, ha provato a temporeggiare. Poi ha bloccato la Mitsubishi in mezzo alla carreggiata ed ha consegnato ai poliziotti la carta d’identità al posto della patente.

Il passeggero che viaggiava sul sedile anteriore aveva una borsa di colore nero tra le gambe. Martino Ofonghor, 33 anni, con domicilio nei pressi di Roma, cercava in tutti i modi di nasconderla. All’interno c’era un involucro con quasi un chilo di marijuana. Sul sedile posteriore, accanto a Tina Anthony, è stato invece recuperato un sacchetto con altri due involucri dello stesso stupefacente, per un peso di quasi due chili.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -