Russia, Isis rivendica attacco alla polizia vicino Mosca

 

isis-russia

Mosca – L’Isis ha rivendicato l’attacco da parte di due uomini armati di pistole e accette a un posto di blocco della polizia municipale a nord-est di Mosca avvenuto lo scorso 17 agosto. Lo ha riferito l’organizzazione Site, che monitora i messaggi estremisti sul web, spiegando che il messaggio è stato diffuso dall’agenzia Amaq vicina all’Isis e spesso usata per rivendicare la responsabilità, diretta o solo ispirata, di attentati. Si tratterebbe del primo attacco dell’Isis su territorio russo, sebbene militanti affiliati abbiano già rivendicato azioni in Daghestan, repubblica russa del Caucaso del Nord a maggioranza musulmana.

Nel video-messaggio, girato alla fermata dei mezzi pubblici, gli aggressori raccontano di “aver intrapreso la via della jihad per volere del nostro emiro” e invitano altri a fare la stessa cosa; allo stesso tempo, avvertono che l’attacco che stanno per compiere è “solo l’inizio”.

In russo, con forte accento, i due giurano fedeltà a Abu Bakr al-Baghdadi, il capo del Califfato proclamato da Isis, e spiegano di voler vendicare l’uccisione dei loro “fratelli” in Siria e Iraq. Nell’attacco, i due presunti terroristi (secondo i media russi sarebbero i ceceni Usman Murdalov, 21 anni, e Sulim Israilov, di 18) – sono stati uccisi, mentre due agenti sono rimasti feriti; uno di loro versa in gravi condizioni. Le autorità russe non hanno commentato la rivendicazione; secondo le ultime ricostruzioni del Comitato investigativo della regione di Mosca, quanto accaduto potrebbe essere stato una “vendetta” o un tentativo dei criminali d’impossessarsi delle armi degli agenti.

Secondo una fonte anonima nelle forze dell’ordine, citata da Interfax, i criminali probabilmente avevano intenzione di creare un gruppo armato, con l’obiettivo di commettere rapine. Un’altra pista non esclusa, è che gli uomini appartenessero già a formazioni armate illegali. Mosca sta sostenendo, con le sue forze aeree, l’esercito di Damasco contro l’Isis e altri gruppi ribelli. Il 31 ottobre scorso, a un mese dall’inizio delle operazioni russe in Siria, un attentato, rivendicato poi dall’Isis, ha colpito un volo russo diretto dall’Egitto a San Pietroburgo, uccidendo 224 persone. All’inizio di agosto, invece, un video attribuito all’Isis ha lanciato minacce dirette alla Russia e al suo presidente Vladimir Putin: “Verremo nelle vostre case e vi uccideremo. Fratelli, portate la jihad nelle loro case ed uccideteli”. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -