Ex direttore National Security Council: ritirare armi nucleari da Europa e Turchia

 

atomicheL’ex direttore del National Security Council per la difesa e il controllo degli armamenti al tempo di Bill Clinton e ora collaboratore dell’ex senatore democratico Sam Nunn nella Nuclear Threat Initiative, ha chiesto che gli Stati Uniti ritirino tutte le testate nucleari dalla Turchia e dall’Europa.

È quanto afferma Steve Andreasen in un editoriale concessogli dal Los Angeles Times, citando l’aggressione iraniana all’ambasciata americana di Teheran nel 1979 come un caso di mancata azione cauta in una situazione pericolosa, che dovrebbe servire ai dirigenti politici di oggi. “La crisi degli ostaggi del 1979 dovrebbe insegnarci l’importanza di rispondere in modo attivo a minacce ovvie e rimuovere obiettivi vulnerabili, una lezione che dovrebbe essere applicata ora, se in Turchia sono stazionate armi nucleari americane”.

Andreasen fa notare che il comandante della base aerea di Incirlik, laddove si pensa siano immagazzinate novanta testate atomiche americane, è stato arrestato dopo il tentato golpe del 15 luglio contro il governo di Erdoğan. Che cosa sarebbe accaduto se Erdoğan avesse ordinato alle truppe a lui fedeli di puntare le loro armi sui soldati americani di guardia a tale arsenale nucleare?

Andreasen ha poi esposto l’analogo caso dell’Europa, ove le condizioni di sicurezza sono state ampiamente indebolite a causa dell’impennata di attentati terroristici e della vorticosa instabilità politica.

movisol.org



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -