Corsica, magrebini si appropriano della spiaggia: scatta la rissa

 

Corsica – Non sarebbero state le foto alle donne in burkini a scatenare la lite in una spiaggia di Sisco tra famiglie di origini nordafricane e giovani locali, che sabato scorso ha fatto 5 feriti. Questa è la pista seguita dal procuratore della Repubblica al Tribunale di Bastia.

corsica-rissa

Il sindaco Ange-Pierre Vivoni, qualche giorno fa, aveva spiegato in televisione su TF1: “E ‘successo perché un turista stava facendo delle foto e i musulmani di origine nordafricana non volevano. Tutto è cominciato per un motivo banale”.

Le cose sono andate fuori controllo quando i nordafricani hanno cominciato ad aggredire il turista spingendo i giovani del luogo ad intervenire in difesa del visitatore. Le donne erano in burqa, gli uomini gridavano Allah Akbar e minacciavano donne e bambini”.

Ora la versione da dare in pasto al popolo è cambiata.

“A scatenare la sommossa è stata l’iniziativa di una famiglia di magrebini che aveva deciso di appropiarsi della spiaggia, di farne un uso esclusivo. Ci sono diversi elementi a riprova, questi magrebini hanno affisso un segnale di divieto alla circolazione, era chiaramente senza valore ma l’intenzione era di bloccare l’accesso alla spiaggia”, ha detto Nicolas Bessonne, il procuratore della Repubblica al Tribunale di Bastia.

I residenti sono stati attaccati dai nordafricani con accette ed arpioni. Cinque persone, tra cui due cittadini di Sisco, sono finite sotto indagine, sospettate di aver preso parte alla rissa, ma sono state rimesse in libertà mercoledì sera, dopo essere stati interrogati nel campo militare di Borgo, a sud di Bastia. Sono stati acclamati dai loro familiari e da un altro un centinaio di persone.

Dopo la sommossa CHE SECONDO LA AUTORITA’ NON E’ STATA SCATENATA DAL BURKINI, a Sisco è stato vietato l’uso del burkini, il costume da bagno islamico, sulle sue spiagge.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -