“Italiani di mer… vaff…”, senegalese senza biglietto urina addosso ai controllori

 

bus-orina

Nell’album delle storie di ordinaria follia che si consumano ogni giorno sugli autobus d’Italia, lasciati ormai alla mercé di insicurezza e degrado, si aggiunge un nuovo raccapricciante episodio.

Siamo a Cesena, sono le 18:45 di ieri e sull’autobus numero 5 – che dalla stazione viaggia in direzione Ponte Abbadesse – una coppia di controllori sta verificando biglietti e abbonamenti.

Seduto in fondo alla vettura c’è un uomo di colore che, come raccontano alcuni passeggeri, “ciondola sul seggiolino ed ha lo sguardo spento, probabilmente è ubriaco”. “Dopo aver agevolmente controllato tutti – spiega uno dei due operatori – arriviamo a lui”. A questo punto i due si avvicinano all’uomo, ignari dell’assurda escalation che si sarebbe consumata di lì a poco.

L’uomo si rifiuta sin da subito di esibire il titolo di viaggio e, di fronte all’insistenza dei controllori, inizia a gridare: “Italiani di m… vaff…” e ancora “siete solo degli sporchi razzisti”. Fin qui si tratta di “ordinaria amministrazione”, spiegano i due dipendenti della ditta di trasporto che lavorano in giro per tutto il bacino della Romagna e di situazioni difficili ne hanno passate tante.

Stavolta, però, il delirio prosegue fino al capolinea dove il mezzo si svuota degli ultimi passeggeri. Il gruppetto di persone si allontana giusto in tempo per non esser travolto dagli schizzi di urina dell’immigrato. Proprio così, l’uomo – di nazionalità senegalese ma regolarmente residente in Italia – dopo aver cercato di aggredire uno dei due controllori, si abbassa i pantaloni e travolge con la sua urina, per ben due volte, entrambi gli addetti alla verifica dei titoli di viaggio.

A commentare quest’episodio è Federico Brandi, coordinatore provinciale di Rimini di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale. “Nonostante l’intensificazione dei controlli – spiega Brandi – il bacino di Rimini continua ad essere quello con il tasso di evasione più alta in Romagna. Oltre a questo, gli episodi di violenza, quali scippi o vere e proprie risse a bordo dei bus, continuano imperterriti”. La soluzione? Secondo Brandi occorrono “maggiori controlli, tornelli e soprattutto la presenza delle forze dell’ordine sui mezzi pubblici”. IL GIORNALE



   

 

 

3 Commenti per ““Italiani di mer… vaff…”, senegalese senza biglietto urina addosso ai controllori”

  1. Risorsa idrica.

  2. Io dico sempre ogni popolo si merita il governo che ha? avete votato PD volete anche votare per il Si e questo vi meritate.

  3. C’è ai vertici del territorio il Resaponsabile. Una parola è poco, Due sono troppe. Quello che vediamo e subiamo è la morale di Servi e Padroni… traboccato anche nelle “scuderie” delle regole dello stato. AMEN.-

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -