Guardia medica devastata da immigrati, dottoressa aggredita

 

Medici in prima linea. Non è il titolo di una serie statunitense di telefilm, ma la dura realtà che si sono trovati a vivere gli addetti alla guardia medica turistica istituita da pochi giorni a Lido Tre Archi dall’Area Vasta 4, in collaborazione con il Comune di Fermo. Una bella iniziativa se non fosse per i rischi corsi dai sanitari in due pomeriggi: prima l’assalto di un uomo di colore ubriaco, che ha devastato ogni cosa, poi l’assedio di un gruppo di indiani che hanno aggredito il medico di guardia e preso a calci e pugni l’auto con cui ha cercato di scappare.

Dieci i medici, nove donne e un uomo, si trovano a far fronte, uno alla volta, ad un orda di persone, quasi esclusivamente extracomunitari, che cercano di utilizzare la guardia medica turistica invece del medico di famiglia. Non è un caso che all’inaugurazione del servizio, un uomo di colore ubriaco, dopo aver preso di mira il medico di turno, ha fatto irruzione nell’ambulatorio, seminando terrore e devastazione. Per riportare la calma è stato necessario l’intervento dei carabinieri, che hanno bloccato l’extracomunitario in stato di alterazione.

L’altro ieri la stessa dottoressa, spaventata per l’esperienza vissuta il primo giorno, si è fatta accompagnare al lavoro dal fidanzato. Una precauzione che non è stata sufficiente ad evitare di essere circondata da un gruppo di indiani che l’hanno presa di mira e l’hanno inseguita nel suo tentativo di fuga in macchina. Non soddisfatti, gli stranieri, vista la loro preda scappare, hanno danneggiato l’auto con calci e pugni.

Visto che il Comune è stato partecipe di questa significativa iniziativa, forse sarebbe il caso che i medici in servizio vengano assistiti almeno da un agente della polizia municipale e che il locale del primo soccorso venga spostato in una zona più sicura del quartiere.

Resto del Carlino



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -