Sorella del deputato Tullo (Pd) rapinata da immigrato con coltello alla gola

 

mario-tullo-pdGENOVA, 12 AGO – Un uomo con un coltello ha minacciato e rapinato la sorella del deputato del Pd Mario Tullo. E’ successo alle 7,30 di stamane sulle alture di Genova, in via Bologna. La donna è stata sorpresa alle spalle da un uomo che le ha puntato un coltello alla gola e le ha strappato la borsa in cui c’erano fra gli altri il portafoglio con 100 euro in contanti. Il rapinatore è poi fuggito a piedi.

L’allarme è stato lanciato dalla donna con una telefonata al 113. Sul posto sono giunti i poliziotti delle volanti che hanno ascoltato dalla donna la prima sommaria descrizione del bandito, definito “uno straniero giovane ed esile, forse un immigrato dell’est”.

Sotto choc per l’aggressione subita, la donna è stata poi accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale villa Scassi. Il deputato Mario Tullo in serata ha commentato: “sono molto dispiaciuto e colpito. Ma non cambio idea sugli stranieri: ce ne sono di onesti e ce ne sono che delinquono. Per questo è bene non generalizzare”. (ANSA)



   

 

 

2 Commenti per “Sorella del deputato Tullo (Pd) rapinata da immigrato con coltello alla gola”

  1. I piddini non cambiano idea nemmeno davanti all’evidenza. Alcuni stanno ancora aspettando la beatificazione di Stalin.

  2. Contento che ogni tanto purtroppo è solo ogni tanto succedono ai politici o loro familiari x rendersi conto che significa la paura di perdere qualcuno ed essere impotenti in tutto.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -