Migranti minorenni sequestrano operatori del centro di accoglienza

 

minori-cataniaCatania – Gli operatori di una struttura di accoglienza per migranti gestita dalla cooperativa San Francesco, di San Michele di Ganzaria, sono stati “sequestrati” per qualche ora dai 25 ospiti provenienti da centro e nord Africa. Lunedì scorso intorno alle ore 10:30, quattro minori, due del Mali, uno del Senegal e l’altro della Guinea, tra i 14 ed i 17 anni, hanno inscenato una protesta all’interno della struttura allo scopo di ottenere la “pocket money”, la cui consegna era prevista il giorno successivo. Munendosi di bastoni hanno minacciato tre operatori della cooperativa costringendoli a non uscire dal centro.

Subito dopo, non avendo ottenuto quanto richiesto hanno sequestrato altre due operatrici chiudendole a chiave dentro una stanza. Fortunatamente uno degli operatori è riuscito a fuggire ed a chiedere aiuto telefonando al 112.

In quel frangente, alcuni minori di nazionalità egiziana, anch’essi ospiti della struttura, non condividendo le motivazioni della protesta, sono accorsi in aiuto degli operatori chiedendone l’immediata liberazione. Ne è scaturita una violenta colluttazione a seguito della quale un egiziano è stato trasportato da una ambulanza del “118” al pronto soccorso di Caltagirone. Mentre la colluttazione era ancora in corso sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di San Michele di Ganzaria e Caltagirone che hanno liberato le due operatrici e bloccato i quattro autori della protesta, arrestandoli per sequestro di persona a scopo estorsivo in concorso e rapina.

cataniatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -