Dall’Italia finaziamenti al terrorismo: controllati 346 money transfer

 

La Guardia di Finanza nell’ultimo mese e mezzo ha controllato 346 sportelli di money transfer e monitorato 647 operazioni di trasferimento di denaro, effettuate da altrettante persone, di cui 111 con precedenti di polizia.

Sono i risultati del nuovo piano di controlli mirati sui servizi di rimessa di denaro, disposti dalle Fiamme gialle per prevenire condotte finalizzate all’utilizzo dei circuiti di pagamento alternativi ai canali bancari per finalità di riciclaggio di proventi illeciti, ovvero per possibili operazioni destinate al finanziamento del terrorismo.

Bankitalia conferma: fondi al terrorismo dietro finte attività caritatevoli

L’effettuazione di questi controlli, spiega la Gdf in una nota, ha anche lo scopo di evitare casi di aggiramento delle regole, fra cui il divieto di frazionamento artificioso dei pagamenti al di sotto della soglia di legge fissata in 1.000 euro (cosiddetto ‘smurfing’) oppure la fittizia intestazione delle transazioni a prestanome.

Il complesso di dati e informazioni così raccolti sono stati messi a disposizione del nuovo Gruppo investigativo sul finanziamento al terrorismo (Gift) del Corpo, istituito due settimane fa nell’ambito del Nucleo speciale polizia valutaria e su ordine del comandante generale Giorgio Toschi, per l’effettuazione di ulteriori analisi e incroci con gli altri sistemi informativi e con le segnalazioni di operazioni sospette per rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -